Una destra trascinata dalla corrente

Che l’illuminazione dall’alto sia il requisito fondamentale per svolgere e decidere le cose nel miglior modo possibile è ineccepibile. Ma che le pecore siano tutte ammassate nella stessa direzione senza porsi il problema di vedere la destinazione all’orizzonte questo è del tutto realistico e poco scontato visto gli ultimi mesi.

Se si dicesse che il premier rappresenti una parte della sinistra o del centro sinistra oggi suonerebbe come una barzelletta o al massimo come una battuta. Non c’è dubbio che la megalomane volontà sull’impatto di immagine di Renzi – sebbene poi la sostanza non sia proporzionata all’immagine – faccia vacillare qualsiasi posizione o schema politico persino per i più esperti e politologi internazionali. Cosicché la destra soggiace alle scelte altrui e aspetta che qualcosa si smuova nella caduta del PD. E questo implica Salvini a far finta di avere le redini di una destra che non c’è… o di una destra realisticamente non idonea a governare un paese. Berlusconi prolunga la sua carriera politica adombrata dalla sua venerata età aspettando il momento giusto per uscire o forse per non uscire mai…

Rimane il partito M5S tra quelli più grandi. Del resto a Roma il “pericolo” (o meglio il rischio per la sinistra) che si insedi qualche grillino è tutta appoggiata dai sondaggi degli ultimi tempi. E non sarebbe un male se Roma scegliesse come candidato sindaco una persona del m5s, sopratutto se considerato le ultime legislature…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s