Troppo pochi candidati per colmare il numero crescente di posti nell’Open Source

xl-2016-open-source-2

L’assunzione di risorse open source è stata ostacolata dalla mancanza di lavoratori addestrati, secondo la Linux Foundation, che ha pubblicato il suo sesto rapporto annuale sulle opportunità di carriera in open source la settimana scorsa. Il report fornisce una panoramica delle tendenze di carriera open source, insieme a fattori che motivano i professionisti del settore e dei metodi utilizzati dai datori di lavoro per attirare e mantenere talenti qualificati.

La relazione del 2017, sviluppata in collaborazione con Dice, segue l’approccio di ricerca adottato nella relazione dell’anno scorso, con particolare attenzione a tutti gli aspetti del software open source. I quattro rapporti precedenti si sono concentrati in modo più specifico sui professionisti Linux.

L’indagine di oltre 280 gestori di assunzione e oltre 1.800 professionisti open source in tutto il mondo ha scoperto un crescente bisogno di talenti open source nel mercato già altamente competitivo.

Quasi il 90 per cento dei manager di assunzione ha riferito di aver difficoltà ad acquisire talento qualificato per i lavori in open source. Si aspettavano di assumere più professionisti per le posizioni open source che per altri ruoli nei prossimi sei mesi.

La disponibilità di talenti open source è anche destinata ad aumentare nei prossimi sei mesi.

Le posizioni open source più comuni, basate sull’indagine, erano sviluppatori, DevOps engineer e amministratori di sistemi. Il cloud open source, lo sviluppo di applicazioni, i grandi dati, DevOps e la sicurezza erano le competenze più richieste.

“Il talento guida l’innovazione. Se non possiamo dotare di candidati sufficienti con le conoscenze e le competenze necessarie per i nuovi posti di lavoro, lo sviluppo tecnologico si potrebbe bloccare”, ha avvertito George McFerran, vice presidente esecutivo di prodotto e marketing a Dice.

“La tecnologia è la base della società moderna, quindi questo è qualcosa che non possiamo accettare”, ha detto a LinuxInsider.

C’è un percorso di carriera in espansione per i professionisti open source, ha rilevato il rapporto.

“Dal momento che l’open source è diventata la base di tutti gli sviluppi tecnologici, rimanendo esperti e connessi e aggiornati sulle ultime abilità, porterà a carriere lucrative”, ha detto McFerran.

Tuttavia, il divario tra aperture di lavoro e lavoratori qualificati si sta allargando come le aziende si sforzano di tagliare il tempo sul mercato con prodotti innovativi e ottenere una maggiore efficienza nelle operazioni che utilizzano l’Open Source.

Il sessanta per cento dei dirigenti ha affermato che l’assunzione di professionisti open source aumenterebbe più di altre aree del business della loro azienda nei prossimi sei mesi.
Il sessanta per cento ha dichiarato che le loro società cercavano impieghi a tempo pieno, rispetto al 53 per cento lo scorso anno.
Il settanta per cento ha dichiarato che le loro aziende erano disposte a pagare per i dipendenti di diventare certificati open source.
Le posizioni più comuni che i datori di lavoro cercavano di riempire: sviluppatore (73 per cento); DevOps engineer (60 per cento); E amministratore di sistemi (53 per cento).

Le competenze open source più richieste: cloud (47 per cento); Sviluppo dell’applicazione (44 per cento); Grandi dati (43 per cento); DevOps (42 per cento); E la sicurezza (42 per cento).

Il futuro appare brillante per molti cercatori di posti di lavoro in open source, ha dichiarato Charles King, principale analista di Pund-IT. La combinazione di una forte domanda per una serie di posizioni con carenze di competenze è in grado di aumentare i salari e migliorare i pacchetti benefici.

“Non sorprende che i lavoratori [esperti] di aree di alto livello come lo sviluppo di applicazioni, DevOps, cloud e grandi dati siano in una domanda più elevata”, ha detto King a LinuxInsider. “Ma l’acquisizione di questi set di abilità è all’interno delle capacità di molti professionisti IT”.

L’Open Source è diventata una forza significativa nel data center, spostando o sostituendo molti ambienti operativi aziendali di lunga durata, ha dichiarato King di Pund-IT. In altre parole, la rivoluzione di Linux è finita, e l’open source ha vinto.

“Detto questo, dato la velocità con cui i clienti IT e clienti cambiano, molte scuole e gruppi di lavoro preparati finiscono per cercare di raggiungere le tendenze emergenti”, ha detto.

Quel divario nella formazione delle competenze influisce anche sul campo di competenze informatiche dell’azienda, nota il Seepersad di Linux Foundation. L’Open Source si sta sviluppando a tele scopo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...