The Document Foundation aggiorna LibreOffice

libreoffice foundation

La Document Foundation  ha annunciato la settimana scorsa che stava distribuendo LibreOffice 5.4.1 Fresh, il primo aggiornamento minore alla sua suite di applicazioni di LibreOffice 5.4 open source introdotte all’inizio di questa estate. Ha annunciato anche LibreOffice 5.3.6, che rappresenta la sesta versione della sua famiglia LibreOffice 5.3 originariamente introdotta nel mese di gennaio.

LibreOffice 5.4.1, che rappresenta la linea di confine in termini di funzionalità,proposta per gli appassionati di tecnologia e degli adottatori precoci, ha detto la fondazione. LibreOffice 5.3.6 si rivolge agli utenti più conservatori ed è orientata verso la distribuzione all’interno delle imprese.

LibreOffice 5.4.1 include miglioramenti di compatibilità e circa 100 correzioni di bug e regressioni, secondo quanto detto dalla fondazione. La versione 5.3.6 contiene circa 50 bug e correzioni di regressione.

Tra le funzionalità migliorate, l’aggiornamento a 5.3 include un motore di layout di testo cross-platform, che consente un layout di testo coerente in diversi sistemi operativi, ha detto a LinuxInsider Matthias Eckermann, direttore della gestione di prodotti di Suse Linux Enterprise.

La versione aggiornata di 5.4 ha migliorato i filtri di input per EMF (Enhanced MetaFile, un formato di immagine utilizzato per la stampa in Windows), più il formato di immagine vettoriale. Finora, gli aggiornamenti sono stati ben accolti, secondo la fondazione.

Maggior Adozione Enterprise 

Ci sono tra 150 e 200 milioni di utenti che utilizzano LibreOffice, ha dichiarato Italo Vignoli, portavoce della Document Foundation.

“La maggior parte degli utenti è contento di LibreOffice e con l’avanzamento di ogni nuova release dell’utente in termini di interfaccia utente, funzionalità, qualità e stabilità”, ha detto a LinuxInsider. “Alcuni utenti che inciampano in errori specifici si lamentano del fatto che il loro bug non viene risolto immediatamente, ma sono spesso nuovi all’ecosistema open source e quindi non hanno una chiara comprensione del processo”, ha detto Vignoli.

La fondazione lancerà una nuova serie di correzioni minori per LibreOffice 5.4 in settembre, ottobre e novembre, ha notatod, mentre i rilasci alfa e beta per LibreOffice 6.0 avranno inizio in ottobre, con la sua release ufficiale prevista per l’inizio del prossimo anno.

Il LibreOffice aggiornato ha contribuito ad aumentare la domanda dei clienti aziendali, ha osservato Michael Meeks, direttore generale della Collabora Productivity e vice presidente del consiglio di fondazione Document Foundation. Collabora è il principale contributore di LibreOffice.

“Chiaramente, i nostri investimenti sostanziali per migliorare l’interoperabilità e lavorare con i clienti per risolvere i loro problemi specifici, riempire le lacune mancanti e migrare le persone [sta iniziando] a pagare”, ha detto a LinuxInsider.

Collabora ha annunciato diversi nuovi o rinnovati utenti aziendali, ha spiegato Meeks, tra cui 1.500 utenti della chiesa evangelico-luterana di Bayern, in Germania, e 1.000 utenti a regioIT che utilizzano Collabora Online con Nextcloud, software di produttività cloud di LibreOfice.

Le suite di produttività open source come LibreOffice hanno contribuito ad aumentare l’adozione delle piattaforme open source dell’azienda, ha affermato Forrest Smith, direttore del prodotto CX presso Neverware.

“Penso che il boom che vedi in open source protegge tutti”, ha detto a LinuxInsider.

Orizzonte Distante

Mentre LibreOffice offre alcuni ottimi miglioramenti dal recente lancio del 5.4 e dal lancio iniziale della famiglia 5.3, il prodotto ha una lunga strada da percorrere prima di poter sostituire Office 365 in qualsiasi modo significativo, ha suggerito Rob Enderle, analista principale di il gruppo Enderle.

“LibreOffice è lo standard predefinito per gli utenti Linux, ma non ha penetrato molto su Windows o MacOS”, ha detto a LinuxInsider.

L’attenzione su Linux ha lasciato l’impressione tra molti utenti potenziali che l’adozione per l’utente Mac o Windows non è in considerazione e non c’è abbastanza supporto per creare uno sforzo di marketing per convincere i potenziali utenti, ha detto Enderle.

LibreOffice affronta due ostacoli chiave, ha affermato Paul Teich, principale analista di Tirias Research. Uno è che è il nuotare ancora contro Office 365, che considera il prodotto più grande mai sviluppato da Microsoft.

“I nostri clienti aziendali vogliono vedere i risultati del formato Office 365”, ha detto a LinuxInsider. “Non possiamo permetterci di avere persino piccoli singhiozzi nelle funzionalità supportate, o di incongruenze minori di file”.

La sua azienda utilizza G Suite come strumento preferenziale per la collaborazione interna, ha detto Teich, osservando che ciò che Google fa bene con la sua suite di strumenti di produttività è rendere la collaborazione di documenti online “semplicemente chiara”.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...