Il Balcone che spaventa…

balcone

Dopo l’approvazione del DEF alla camera del 27 Settembre, i principali parlamentari del M5S, tra cui Luigi Di Maio (vice premier del Consiglio e Ministro del Lavoro) hanno festeggiato affacciandosi al balcone.

La sceneggiata – se così si può chiamare – non è piaciuta a molti, che l’hanno paragonata a ricordi di dittature non poco piacevoli rievocando spettri quasi sepolti.

Alcuni l’hanno paragonta ovviamente a una comparsa tipicamente di destra e quindi mussoliniana, altri addirittura a una dittatura di sinistra, come ha dichiarato Tajano a Radio1 il 1° Ottobre, sostenendo che Di Maio ricorda molto Nicolas Maduro, Presidente del Venezuela.

Indipendentemente dalla comparsa certamente poco sobria, i timori di un possibile dominio dei cinque stelle appare sempre più evidente e quello che per molti è solo una maggioranza di governo per altri è un pretesto per attaccare la maggioranza – dichiarandola dittatura – per sostenere i partiti di opposizione sempre più in difficoltà, sopratutto da quello che si evince dai sondaggi.

Infatti sebbene Domenica 30 Settembre ci sia stata la manifestazione a Roma del PD i sondaggi del 1° Ottobre della SWG mandati in onda su TG LA7 delle 20.00 non lascia spazio a dubbi. Il PD perde sempre più voti e rischia di scivolare in un baratro che potrebbe portare alla distruzione dell’intero partito. Se si pensa che alle europee del 2014 il PD era al 40% oggi è soltanto al 15%.

E la colpa è soltanto del PD perché spesso appaiono in TV con proposte o critiche davvero inbarazzanti nei confronti delle manovre del movimento cinque stelle.

Ecco gli ultimi sondaggi:

brazorf_ajejeje-1046837753349062656-20181001_210224-img1

brazorf_ajejeje-1046837753349062656-20181001_210224-img2