Caro Taccuino di viaggio(caro poi non so fino a che punto) anche restando dove stai che sei un tipo, quasi sempre, che rimane lì, muto, vedi il pescatore in attesa.

indifferentemente

Risultati immagini per quadri di stasiImmagine correlataImmagine correlata

Caro Taccuino voglio dirti perché scrivo. A scrivere dovrebbero scrivere tutti ma non per pubblicare e avere successo. Scrivere dovrebbe essere, ma senza essere scrittori, una pratica quotidiana così come respirare, mangiare, studiare quel che interessa; e poi una quinta elementare, le medie inferiori, un pezzo di carta, una qualifica, un diploma di scuola superiore o una laurea sono tutt’altra faccenda: semmai lavorare, riposare, correre, pensare, star fermo(cosa impossibile, anche per chi vive in pochi metri) e tutto quanto. Scrivere per capire le velocità e le lentezze che ogni essere umano ha dentro.

View original post

One thought on “Caro Taccuino di viaggio(caro poi non so fino a che punto) anche restando dove stai che sei un tipo, quasi sempre, che rimane lì, muto, vedi il pescatore in attesa.

Leave a Reply to gianpiccoli Cancel reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s