I browser da tenere sempre sul proprio PC.

browser

Eccovi una lista dei migliori browser da utilizzare anche come alternativa l’uno all’altro come per esempio per il browser TOR con il quale navigare in anonimato ma non idoneo per la navigazione quotidiana.

 

trasferimento (1) MICROSOFT EDGE

E’ il browser di casa Microsoft e in quanto tale siete costretti a tenerlo sul vostro Windows… potrebbe tornare anche utile nel caso gli altri browser non funzionino.

 

tor TOR

https://www.torproject.org/download/download

Molti non conosceranno questo straordinario browser, che è basato su firefox e consente di navigare in totale anonimato e nel modo più sicuro possibile (senza installare alcun tipo di plug-in) e consentendo di connettervi anche al deep-web che però quest’ultimo sconsiglio vivamente sia per la pericolosità, che per il materiale che vi si può trovare.

Da non avere come browser predefinito ma affiancato a qualcun’altro.

 

firefox_png MOZILLA FIREFOX

E’ il browser per eccellenza per molti di quelli che non utilizzano chrome. E’ un browser completo, più o meno leggero ed affidabile. Non dovrebbe mai mancare su un PC.

https://www.mozilla.org/it/firefox

 

trasferimento OPERA

Sebbene non lo utilizzino in molti, lo ritengo uno dei migliori browser in circolazione. Penso sia meno hackerabile per il fatto che non lo utilizzino in massa come chrome. E’ leggero e contiene al suo interno numerosi plug-in da installare per la sicurezza, video, musica etc…

https://www.opera.com/it

 

trasferimento (2)GOOGLE CHROME

Granparte degli utenti utilizzano il browser di casa Google che rimane comunque il più affidabile sull’usabilità, non a caso il prossimo browser di Microsoft (che sostituirà EDGE) sarà basato proprio su Chrome. Un fatto straordinario se si pensa che Microsoft ha sempre rivendicato l’originalità del proprio browser. Ad ogni modo pecca molto per la presenza si bug e per essere bucabile dagli hacker, sopratutto perché usato in massa.

https://www.google.com/intl/it_ALL/chrome/

 

La vita della Seta: l’alleanza con la Cina… che porta l’Italia controcorrente con l’Europa.

Foto Ansa
– Foto Ansa – La Cina è al centro di timori di molti perchè Washington ha messo in guardia sul fatto che Huawei potrebbe introdurre meccanismi di sorveglianza dei paesi europei attraverso la tecnologia 5G di cui è in possesso.

In questi giorni non si è parlato altro che di via della Seta, cioè l’alleanza e i rapporti commerciali tra il nostro paese e quello cinese.

In realtà la via della seta è un’iniziativa strategica storica (decennale) della Repubblica Popolare Cinese per il miglioramento dei suoi collegamenti commerciali con i paesi nell’Eurasia.

Dopo due giorni di visita in Italia da parte del Presidente Cinese Xi e il presidente della National Development and Reform CommissionHe Lifeng, oggi si è firmato il Memorandum sulla collaborazione nell’ambito della “Via della Seta Economica” e dell’ “Iniziativa per una Via della Seta marittima del 21° secolo. La firma del patto economico si è concretizzata a Palazzo Madama insieme al Premier italiano Giuseppe Conte. Diversi i ministri delle due delegazioni presenti in sala, tra cui per l’Italia Luigi Di Maio, Giovanni Tria e Enzo Moavero.

Dopo la visita a Roma  il presidente cinese Xi Jinping e la firs lady Peng Liyuan sono partiti alla volta di Palermo per visitare e rendere omaggio alla città natale di Sergio Mattarella.

Indubbiamente il patto ha un valore economico molto forte, sebbene in realtà fosse quasi inevitabile firmarlo, visto il predominio del commercio della Cina sull’Europa. Non mancano le preoccupazioni dell’UE che nelle ultime settimane ha fatto sapere il suo timore sull’influenza politica in Europa affermando che la Cina è sia un partner commerciale che concorrete e che la relazione può essere un beneficio solo se c’è concorrenza leale.

La Cina è al centro di timori di molti perchè Washington ha messo in guardia sul fatto che Huawei potrebbe introdurre meccanismi di sorveglianza dei paesi europei attraverso la tecnologia 5G di cui è in possesso.

La scelta del governo Conte di negoziare un memorandum di intesa con Pechino per consentire all’Italia di diventare un anello della nuova via che dovrebbe collegare la Cina all’Europa ha provocato polemiche. L’Italia è il primo e per ora unico paese del G7 ad avere negoziato un accordo preliminare con Pechino.