Campobasso – Corpus Domini 2019: festa ed eventi… Luca Carboni nella serata finale del 23 Giugno!

Foto-CorpusDomini[Dario Di Leva]
Foto di Dario Di Leva – Corpus Domini – Campobasso

A Campobasso, come ogni anno l’attesa per il Corpus Domini è grande perché è la principale manifestazione dell’anno, che attira come sempre decine di migliaia di persone da tutto il Molise e dalle zone limitrofe.

Anche quest’anno il cartellone della manifestazione è ricco di eventi e ad impreziosire ulteriormente la giornata ci sarà la visita del vice premier e ministro del lavoro Luigi Di Maio, che dopo la vittoria del Canditato del M5S, Roberto Gravina, ha deciso di far di nuovo visita alla città di Campobasso.

Di Maio già è stato più di una volta a Campobasso per sostenere proprio la campagna elettorale dell’attuale sindaco di Campobasso. Venne accompagnato infatti nel Museo dei Misteri, l’edificio di via Trieste in cui i fratelli Teberino e la loro associazione custodiscono le macchine volanti patrimonio unico dell’intero Molise e in lizza per ottenere il riconoscimento Unesco come patrimonio dell’umanità. Lì venne accolto da Liberato Teberino.

immagine di Primo Numero
Foto del Quotidiano Primo Numero: Luigi Di Maio alla sua prima visita a Campobasso nei museo dei Misteri

Decine di migliaia di persone sono attese anche quest’anno e per non deludere le aspettative il consiglio comunale ha deciso di tirare fuori molti soldi dalle casse del Municipio.

279mila euro la spesa stanziata solo per gli eventi, di cui 109mila euro prelevati dal fondo di riserva, un capitolo del bilancio che dovrebbe essere utilizzato solo in casi di emergenza. Una somma inferiore rispetto a quella utilizzata per l’edizione 2018, quando i costi lievitarono a 300mila euro e fu invitata la band THE KOLORS

L’inaugurazione dell’iniziativa si terrà il 20 giugno, alle 21.30, con uno spettacolo di apertura animato da acrobati aerei, trampoli e fuochi d’artificio.
Anche quest’anno si terrà il contest “Gianluca Fuso” che prevede la selezione di 4 band di giovani artisti locali che si esibiranno il 21 giugno, a partire dalle 21, in Piazza della Repubblica.

Sabato 22 Giugno alle ore 22, si esibiranno le Vibrazioni, storica Band Rock italiana.

Ad accompagnare invece la serata finale del 23 Giugno alle 21 del Corpus Domini in piazza della Repubblica (per motivi di sicurezza) ci sarà il cantautore bolognese Luca Carboni. La tappa rappresenta la seconda data del tour estivo 2019 che si svolgerà in tutta Italia e che partirà il 15 Giugno per concludersi l’8 Settembre.

La scelta del cantautore bolognese è dell’appena conclusa amministrazione Battista che, già l’anno scorso, a dicembre 2018, aveva reso onore alla manifestazione del Corpus Domini, facendo sfilare per la prima volta in inverno, la processione delle cosidette Macchine dei Misteri per la ricorrenza dai 300 anni dalla nascita di De Zinno, autore delle geniali macchine che sorreggono i personaggi dei santi.

Tra l’altro oggi, 14 Giugno è uscito il nuovo singolo PRIMA DI PARTIRE, estratto dall’album Sputnik dello scorso anno (2018) che aveva consacrato alcuni hit di successo, tra cui la blasonata UNA GRANDE FESTA con la quale il cantautore bolognese era rimasto per mesi nelle hit delle radio italiane e che probabilmente avrà accompagnato tanti italiani nei giorni estivi.

La canzone originale pubblicata sull’album Sputnik è in versione solista; nel 2019 Luca Carboni l’ha reinterpreta in duetto con il cantautore Giorgio Poi e resa disponibile solo in download digitale.

Un altro evento che sarà presente è quello della promozione turistica del nostro territorio, ossia ‘La città dei Misteri: tra borghi e tradizioni”, format creato dall’ex assessore (e ora fresco consigliere comunale per la coalizione di Destra) Salvatore Colagiovanni. Lungo corso Vittorio Emanuele saranno installate venti casette di legno che ospiteranno i Comuni che hanno aderito all’iniziativa. Tre stand saranno destinati rispettivamente alla Regione Molise, alla Provincia di Campobasso e al Comune di Campobasso. La spesa per la fornitura delle casette è di circa 18000 euro che saranno corrisposti alla ditta Prefabbricati Iacobucci.

Per maggiori info:

https://www.lucacarboni.it/#video

https://www.misterietradizioni.com/dizinno/

https://www.rockol.it/news-704888/luca-carboni-tour-2019-date-concerti-nuovo-singolo-giorgio-poi

https://www.primonumero.it/2019/06/il-vice-premier-di-maio-mantiene-la-promessa-lannuncio-di-gravina-torna-per-corpus-domini/1530563648/

 

14 Giugno : giornata mondiale del donatore di sangue: eventi e info dell’edizione 2019!

Dal 2004 il 14 giugno viene festeggiata la Giornata mondiale del donatore di sangue proclamata dalla Organizzazione mondiale della sanità.

Il 14 giugno è stato scelto in quanto giorno di nascita del biologo austriaco Karl Landsteiner, scopritore dei gruppi sanguigni, nel 1900, e coscopritore del fattore Rhesus.

In alcune città ci saranno dei Gazebo nelle piazze per poter prelevare il sangue dei volontari.

Ad esempio a Verona: I donatori di Avis, Fidas Verona e Asfa saranno in piazza Bra e davanti ai due ospedali cittadini per sensibilizzare i veronesi alla donazione di sangue.

Dalle 10 alle 14 i donatori saranno presenti con un gazebo in piazza Bra e distribuiranno materiali informativi ai passanti, testimoniando in prima persona la bellezza del dono.

A Trento il gazebo allestito dalla sezione trentina, sarà all’angolo tra Via Oriola e Via Oss Mazzurana. “ Sangue sicuro per tutti”, : è lo slogan scelto dall’OMS per la Giornata Mondiale del Donatore di sangue ed emoderivati del 2019.

A Milano presso i presidi ospedalieri Sacco, San Carlo, San Paolo, Melegnano e centri di raccolta Avis di Limbiate e di Milano (Via Bassini) è indetta una raccolta straordinaria di sangue. Inoltre è prevista una prova di regolarità per macchine e auto d’epoca. La manifestazione si concluderà nel pomeriggio e nella tarda serata presso il presso il Parco Spina Azzurra di Buccinasco con attrazioni per bambini e un soft happy hour con concerto dal vivo per giovani e no.

A Trento il gazebo allestito dalla sezione trentina, sarà all’angolo tra Via Oriola e Via Oss Mazzurana. “ Sangue sicuro per tutti”, : è lo slogan scelto dall’OMS per la Giornata Mondiale del Donatore di sangue ed emoderivati del 2019.

Quest’anno il topic scelto per la celebrazione della giornata mondiale del donatore – Safe blood for all – è dedicato proprio al tema della sicurezza, dove si registrano standard piuttosto variabili in giro per il mondo, con una dozzina almeno di paesi (tra quelli che hanno riportato i dati all’Oms) che non riescono a garantire gli screening necessari sui prodotti donati per le infezioni da epatiti, hiv e sifilide, per problemi diversi, dalla mancata affidabilità dei test alla scarsità dei test stessi. La prevalenza delle infezioni trasmissibili, come attendibile, è maggiore nei paesi a basso e medio reddito. L’edizione di quest’anno è ospitata dal Ruanda sebbene comunque si terranno manifestazioni ed eventi in tutta Europa e in tutto il mondo.

Tutte le città del mondo ospiteranno dunque grandi manifestazioni, ma a Johannesburg in Sud Africa, sarà realizzata la più imponente: ragazzi, e adulti si uniranno a pop star, medici ed esperti della salute internazionali e pazienti (la cui vita è stata salvata grazie a trasfusioni) per un evento musicale in onore dei “non celebrati eroi” di tutto il mondo che hanno incluso tra le proprie responsabilità la donazione di sangue senza alcun compenso.

L’anno prossimo il topic dell’edizione 2020 sarà World Blood Donor Day e la manifestazione sarà ospitata proprio in Italia. L’Organizzazione mondiale della sanità ha comunicato che la candidatura, avanzata lo scorso dicembre dal Ministero della Salute, Centro Nazionale Sangue e Associazioni e Federazioni di donatori è risultata vincitrice: l’Italia succederà al Ruanda al quale è stata affidata l’organizzazione dell’evento 2019.

In Italia la giornata mondiale del donatore assume un ruolo speciale infatti il nostro paese nella Comunità europea è fra i Paesi che raccolgono meno sangue insieme a Slovacchia, Portogallo, Lettonia Polonia Lituania con 34,32 unità/abitanti. In testa alla classifica Monaco con 77,46, Danimarca con 66,55 e Austria con 62,8.

per maggiori info:

https://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Mondo/2008/06/Giornata-mondiale-donatore-sangue-World-blood-donor-day%20.shtml?uuid=2896ac96-391d-11dd-8cc1-00000e251029&DocRulesView=Libero&refresh_ce=1

https://www.telecomitalia.com/tit/it/career/career-news/giornata-mondiale-donatori-sangue.html

https://www.wired.it/scienza/medicina/2019/06/14/world-blood-donor-day-donazioni-sangue/

https://www.who.int/campaigns/world-blood-donor-day/2019

 

La Trattativa: il film sui rapporti stato-mafia andato in onda ieri su RAI2.

latrattativa
LaTRATTATIVA: il film sui rapporti dello stato con la Mafia andato in onda in prima visione su rai2 il 13Giugno!

La Trattativa, il film di Sabina Guzzanti sui rapporti tra stato e Mafia, è andato in onda in prima visione su Rai2 ieri, 13 Giugno, in un giornata tutta dedicata all’argomento perché dopo il film è andato in onda anche una trasmissione per il dibattito della questione tra le più note della storia Italiana.

Il film in particolare parla dei rapporti di alcuni esponenti della politica italiana che sono stati a stretto contatto con Silvio Berlusconi, come ad esempio Marcello Dell’Utri che ha avuto una miriade di contatti a sua volta con tutto il clan che partecipò alla strage di Falcone e Borsellino.

E’ abbastanza paradossale come Rai2 abbia trasmesso questo film molto delicato per la sua importanza quando solo pochi giorni fa, sempre su Rai2, nella trasmissione ‘Realiti’ del conduttore e comico Enrico Lucci sono stati insultati Falcone e Borsellino da parte di due neomelodici ospiti alla trasmissione: Leonardo Zappalà in arte Scarface e Niko Pandetta detto Tritolo, nipote di Turi Cappello, boss condannato all’ergastolo per mafia. Il primo dopo aver visto un filmato su Falcone e Borsellino ha così commentato: “Queste persone che hanno fatto queste scelte di vita le sanno le conseguenze. Come ci piace il dolce ci deve piacere anche l’amaro“. Il secondo si è invece espresso in questo modo: “Mio zio scrive i testi delle canzoni dal 41 bis, il primo cd l’ho finanziato con una rapina”.

Il direttore di Rai2, Carlo Freccero, che solo qualche giorno si era scusato per le offese contro Falcone e Borsellino, ha dichiarato di essere orgoglioso della messa in onda del film e della sua rete che può vantarsi di essere la più anti-mafiosa della Televisione.

Non è ovviamente la prima volta che ovviamente ci sia un film sui rapporti tra stato-mafia anche se questo probabilmente è quello più mirato, anche già dal titolo.

Ho seguito spesso quotidiani e trasmissioni sulle stragi degli anni 90 in cui lo stato voleva insediarsi definitivamente nello stato. A partire dal Fatto Quotidiano che periodicamente pubblica articoli correlati e come pure travaglio che sforna spesso libri e opere in onore agli eroi contro la Mafia.

Indubbiamente è una storia che probabilmente non avrà mai una era e propria fine perché i vertici… non sono stati mai condannati in merito a questa vicenda e perché escono indizi più o meno significativi solo dopo decenni. Infatti qualche giorno fa la procura ha riaperto un fascicolo sue due magistrati che avrebbero depistato le indagini sulla strage di via d’Amelio, dove morì Paolo Borsellino!

Un documentario quindi che mette luce su parecchie ombre, ma che in sostanza non smuove molto dal punto di vista pratico. E c’è poco da opinare se per decenni abbiamo assistito ad un enormità di indagini e qualche arresto, dopo la maxi-processo.

 

 

 

 

Nuova sezione sulla piattaforma Rousseau: ‘TALENTI’ per candidarsi come supporter al Movimento5Stelle

v
PiattaformaRouseeau del Movimento 5 Stelle: a Giugno è disponibile la nuova sezione ‘Talenti’ per candidarsi ad un ruolo professionale aperto.

Da pochi giorni, e precisamente dal 12Giugno è stata inserita nella piattaforma Rousseau la nuova sezione per candidarsi ad una eventuale posizione aperta per supportare dal punto di vista professionale alcuni ruoli per il Movimento Cinque Stelle.

Sicuramente una sezione innovativa e diverse dalle altre già presenti sulla sezione, che seppur numerose non avevano niente a che vedere con questa introdotta.

Se sia una mossa strategica per la sopravvivenza del Movimento o per il consenso degli elettori o dei nuovi iscritti non si sa. Sicuramente è una mossa che da un senso professionale nella praticità della manutenzione della piattaforma che più volte è stata criticata.

Staremo a vedere

https://rousseau.movimento5stelle.it/main.php

 

LIBRO ESTATE 2019: KM123 [Andrea Camilleri]

LIBRO-km123(Camilleri)
LIBRO ESTATE 2019: km123 (Camilleri)

 

Se volete un libro con il quale svagarvi questa estate senza troppo impegnarvi in una letteratura tecnica o infinita vi consiglio questo libro GIALLO di Camilleri di 130pagine circa.

Eccovi la trama:

Tutto inizia con un cellulare spento. A telefonare è Ester, a non rispondere è Giulio, finito in ospedale a causa di un brutto tamponamento sulla via Aurelia. Dunque, a questo benedetto Km 123 della via Aurelia verso Roma succede che una Panda viene speronata da un Suv e finisce in una scarpata, con lesioni varie all’occupante, noto imprenditore romano, e che, alcuni giorni dopo, lo stesso Suv viene ritrovato nella stessa scarpata con un cadavere a bordo, una giovane donna amante dell’inprenditore. Non è tutto: il marito di una carissima amica della defunta muore a Milano cadendo sui binari della metropolitana, forse spinto intenzionalmente. Attorno a questi tre casi, ruotano svariati personaggi, tutti legati da rapporti più o meno intimi, tutti con qualcosa da nascondere e quindi sospettabili. I capitoli del giallo sono una sintesi succosa e stringente dei loro rapporti: discorsi diretti, sms, telefonate, mail, rapporti del Commissariato di Polizia di Roma, cronache giornalistiche, si sospetta di tutti e più o meno tutti hanno motivi per essere sospettati. La Polizia sembra avere in mano le prove conclusive dei supposti delitti, ma il dirigente del Commissariato, che non vede l’ora di chiudere le indagini etichettandoli come suicidi o incidenti, viene in via confidenziale invitato da un ispettore più scrupoloso a riaprire le indagini stesse e seguire altre piste: ambedue, ahimè, sbagliano, ed una telefonata spiazzante alla fine del giallo rivelerà finalmente i veri colpevoli. 

LIBRO GIUGNO2019: Victor LaValle – favola di new york

fa

Oggi 6 giugno 2019 è uscito il libro di Victor La Valle, Favola di New York e sui social – prevalentemente su twitter – è spopolato l’hashtag del titolo del nuovo romanzo dello scrittore americano.

Victor La Valle è uno scrittore americano che ha vinto numerosissimi premi letterari.

Il libro è disponibile sulle diverse piattaforme di vendita dei libri ed ebook come amazon, ibs, etc…

TRAMA

Il piccolo Apollo, figlio della New York di oggi, cresce con la madre, giovane single di origini ugandesi. Il padre, che è sparito nel nulla, gli ha lasciato solo una scatola di libri e uno strano incubo ricorrente. Da grande, Apollo diventa un commerciante di libri antichi e si innamora della bibliotecaria Emma, insieme alla quale ha presto un figlio. Ma il nuovo arrivato incrina l’idillio della coppia: lui rivive l’abbandono del padre e, alle prese con i propri fantasmi, fatica a comprendere che in lei qualcosa è cambiato. Emma si comporta in modo strano, è sempre più distante e insofferente fino a quando, un giorno, compie un gesto indicibile. Quanto possono essere oscuri i segreti delle persone che più amiamo? Inizia così l’avventura di Apollo alla ricerca della verità su quell’atto terribile: un viaggio che lo porterà su un’isola misteriosa nel cuore della metropoli dove accadono cose al di là di ogni immaginazione e dove la vita quotidiana in una modernissima New York si sospende per lasciare spazio al mito e alla leggenda.

 

9Giugno’19 > Elezioni Comunali Campobasso: Ballottaggio GRAVINA (M5S) – D’ALESSANDRO (LEGA)

Campobasso – Ballottaggio per le elezioni comunali 2019: Roberto GRAVINA (M5S) – Maria Domenica D’ALESSANDRO (LEGA) [foto di quotidianodelmolise.com]
Il 9 Giugno 2019 si terrà a Campobasso un ulteriore elezione per scegliere al ballottaggio il nuovo sindaco di Campobasso, per affermare la vittoria del candidato vincente che non era riuscito a prendere il 50% dei voti alla prima tornata di elezione.

Gli sfidanti sono Roberto Gravina del Movimento 5 Stelle e Maria Domenica D’Alessandro della Lega. In un certo senso sono delle elezioni particolari perché potrebbero conferire per la prima volta alla città di Campobasso un sindaco donna. Un fatto su cui ha fatto leva nella campagna elettorale degli ultimi giorni proprio il candidato donna D’Alessandro dichiarando che “la città merita un sindaco donna”, un ragionamento non proprio ortodosso nell’ottica del programma politico.

 

ALLEANZE E CONFLUENZE DEI VOTI

I voti del PD dovrebbero confluire per la gran parte in quello del movimento cinque stelle e quindi per Gravina, stando sia a quanto dichiarato da alcuni esponenti del PD molisano sia alle posizioni politiche. Sebbene infatti a livello Nazionale La Lega si sia unita con il M5S (o viceversa se preferite…) in ambito regionale l’alleanza non ha trovato un rapido riscontro sia per la linea politica locale differente e sia perché la Lega si è presentata in coalizione con altri partiti per poter aggiudicarsi quanto meno l’arrivo al ballottaggio. Inoltre il voto disgiunto ha consentito di porre il voto al candidato sindaco e ad un differente partito di lista (con l’eventuale preferenza dei consiglieri comunali) che rende la previsione di vittoria molto difficile da avanzare.

I voti quindi di Maria Domenica D’Alessandro potrebbero confluirsi anche nel movimento cinque stelle se per esempio chi l’ha votata inizialmente prevedeva di dare il voto ad un partito di coalizione che non rispecchia però le piene politiche della LEGA.

Per quanto riguarda invece il partito IO AMO CAMPOBASSO, la voce ufficiale del partito è quella di astenersi o comunque non prendere una precisa posizione. La motivazione risiede nel fatto che mentre la loro posizione politica è più vicina a quella del PD e di conseguenza al M5S, la convenienza è però una vittoria della destra che consentirebbe di portare quantomeno il candidato sindaco (LIBERANOME) come consigliere al comune. In caso di vittoria del M5S infatti, ioamocampobasso non riuscirebbe a portare neanche un candidato sindaco in comune.

 

COME SI VOTA 

Rispetto alle elezioni del 26 maggio, il voto del ballottaggio è semplice ed è difficilissimo sbagliare. Infatti non essendoci alcun voto disgiunto è possibile apporre una croce su uno dei due lati (liste) corrispondenti ai due consiglieri sindaci.

Non è possibile inserire alcun nome sulla scheda ad eccezione di quello di uno dei candidati Sindaci che servirebbe solo a rafforzare il voto della croce per cui meglio evitare di inserire nomi che potrebbero portare solo confusione e quindi limitarsi a inserire una croce sul lista del candidato sindaco da scegliere.

Nell’eventualità di uno sbaglio nella votazione il candidato ha diritto di richiedere una sola scheda oltre a quella iniziale che gli si consegna normalmente. 

 

SCHEDE INFORMATIVE SUI DUE CANDIDATI SINDACO

 – Roberto Gravina

Classe ’77, nato a Roma, è un avvocato civilista di Campobasso. Inizia la carriera politica con il movimento nel 2012 per poi presentarsi alle comunali nel 2014 come candidato sindaco, nelle quali perse il ballottaggio per pochissimi voti con il precedente sindaco (Antonio Battista) che riuscì a prendere il 50% soltanto per una cinquantina di voti. Riuscì ovviamente a entrare come consigliere al comune fino alla fine della legislatura (2014-2019)

 

 – Maria Domenica D’Alessandro

Classe ’61, nata a Benevento, è Avvocato con diploma di specializzazione delle professioni legali alla Luiss. La sua esperienza politica inizia a Torella del Sannio, dove ha ricoperto l’incarico di presidente del consiglio comunale dal 2007 al 2012. Nel 2018 invece si presenta con FRATELLI D’ITALIA per le elezioni al Senato nelle quali non riesce ad essere eletta. Nel 2019 passa alla LEGA e si presenta come Sindaco della coalizione di destra.

 

ULTERIORI INFO

Dopo le elezioni del 26 Maggio c’è stato un totale caos nella comunicazione dei voti delle comunali di Campobasso perché erano stati sbagliati sia alcuni conteggi da parte della prefettura che le comunicazioni. Per cui alle ore 21.00 del 27 maggio era stata data la comunicazione che il M5S avrebbe vinto il ballottaggio, con conseguente conferenza stampa di sconfitta del sindaco uscente Battista; poi la notte e la mattina seguente era stata data la clamorosa rimonta del sindaco uscente per poi tornare sui propri passi e confermare di nuovo la vittoria del movimento cinque stelle. Tecnicamente è stato un vero e proprio errore di comunicazione e non di conteggio perché – contrariamente a quanto successe nelle comunali del 2014, dove per pochi voti ci rimise proprio il M5S con Gravina – i voti di scarto di questa elezioni 2019 sono la bellezza di un migliaio.

Ecco di seguito i risultati delle comunali del 26maggio per il candidato SINDACO:

 

 

La vittoria del sindaco da di diritto ai 2/3 dei consiglieri previsti per il consiglio comunale della città che nel caso di Campobasso (che viene classificata come città superiore ai 30mila abitanti) sono previsti 30 consiglieri. Per cui il sindaco vincente darebbe alla lista associata 20 consiglieri (cioè 2/3 di 30) mentre la rimanente percentuale sarebbe divisa dai partiti rimanenti in base alla percentuale di voti di lista acquisiti nella prima tornata di elezione.

C’è da precisare che il primo partito di lista è il M5S, che nonostante si sia presentato senza alcuna coalizione, ha raggiunto il 22,4%. Al secondo posto invece il PD (al 16,1%) seguito da Popolari per l’Italia (15,1%) e Lega Salvini (10,5%).

 

Legislatura BATTISTA (2014-2019)

Gli ultimi 5 anni di amministrazione comunale sono stati pressoché fallimentari (secondo molti opinionisti) per il semplice fatto che il servizio dei trasporti pubblici è completamente alla deriva. Per non parlare del fatto che nel mese di maggio 2019 c’è stata una emergenza per la mancanza di medici in Molise al punto da dover richiedere al Governo di Roma i medici dell’Esercito. La sanità ovviamente era già conosciuta come il nodo dolente perché fu già commissariata nel 2016.

Inoltre i partiti che dovrebbero rappresentare i cittadini hanno perso ogni senso di identità e moralità perché ben 11 consiglieri del centrosinistra, di cui 3 componenti della Giunta, sono passati nelle file del centrodestra.

Diverso è il discorso per il M5S. Roberto Gravina ha l’aria di essere un politico dall’animo puro. In più il suo gruppo (M5S) costituito dai 4 consiglieri uscenti è stato grossomodo sempre sull’onda dell’opposizione denunciando i tentativi di lobbing e proponendo una gran quantità di emendamenti e controproposte, nonostante durante gli anni della legislatura il movimento 5 stelle sia stato sempre isolato dal punto di vista delle alleanze e del dialogo politico.

 

RISULTATI VOTI CONSIGLIERI

https://quotidianomolise.com/app/uploads/2019/05/Campobasso.pdf

https://quotidianomolise.com/app/uploads/2019/05/Comunali-2019-Preferenze-per-sezioni.pdf

 

LINK UTILI:

http://www.repubblica.it/static/speciale/2014/elezioni/comunali/campobasso.html

https://elezioni.repubblica.it/2019/elezioni-comunali/molise/campobasso

https://it.wikipedia.org/wiki/Elezioni_comunali_a_Campobasso