The Pope’s journey to Africa – Two reflections on his pontificate

popeafrica
POPE in Africa (Madacascar) Photo ANSA

 

In these days the Pope is traveling to Africa.
The program includes visits to three countries: Mozambique, Madagascar and Mauritius. In addition, the Pope will meet young people, authorities and clergy but also AIDS patients and survivors of epidemics. Only another pope had been in Africa: Pope John Paul II in May 1989.

Pope Francis’ journey will last 7 days: from 4 to 10 September!

 

Pontificate

The pontificate of Pope Francis lives all in all with conflicting opinions, although mainly favorable, probably due to his warmer charisma than his predecessor, Pope Benedict XVI.

The problem of immigration, which is at the center of politics due to the serious problems of hospitality that Italy has to face every day, puts the pontificate of Pope Francis in serious difficulty, which since the beginning has always supported maximum acceptance without if and without but. A philosophy that many people certainly don’t like.

Beyond the issue of immigration, there is always the problem of pedophilia, which in spite of everything in recent years has spoken little about it, even if the subject is always alive among the people.
I must say that despite the many problems that exist in Italy, Pope Francis has been able to capture the sympathy of the people, confirming the greatness (and at the same time the humility) of his name more in words than in deeds.

The image of the Pope in Italy is completely different from the one he has abroad. It is obvious that in the Latin American countries the popularity of the Pope is out of the question and when there is a journey the Pope gathers millions of faithful.
In Anglo-Saxon countries instead. the Pope’s popularity is minor. Moreover, most of the scandals or investigations into pedophilia come from the Anglo-Saxon countries.

Although the Pope has brought considerable innovation and openness to the church, some reforms have been harshly criticized. For example, changing – albeit slightly – the prayer of the Our Father, was for many disconcerting.

Surely the opening to the Gay or some sex taboos has benefited the church, but probably not enough. The pontificate of Pope John Paul II seems very far away.

Surely the opening to the Gay or some sex taboos has benefited the church, but probably not enough. The pontificate of Pope John Paul II seems very far away. As a tradition, the church always places itself as a stronghold before social and world evolution, to take the distance from possible drifts.

The humanity of Pope Francis is certainly that of having often come into contact with people. Many will always remember the phone calls he made at the homes of the people, who answered almost incredulously.
Judging a pontificate is very difficult. Each era has its socio-political-economic context.

In addition to the problems mentioned above, there are the perennial problems of the thousands of property units owned by the Vatican, which are largely exempt from taxes, and the remaining Vatican has outstanding debts.

 

Advertisements

VASTO: alla ricerca del luogo per la data alternativa al JOVA BEACH PARTY annullato del 17 agosto! Montesilvano in testa su Fossacesia!

jova
JOVA BEACH PARTY è l’EP uscito nel Giugno 2019 con il lancio del singolo LA NUOVA ERA. JOVA BEACH PARTY è anche l’omonimo tour di Jovanotti del 2019 che lo vedrà esibirsi tra luglio e agosto in molte località d’Italia

Il 17 Agosto doveva esibirsi Jovanotti a Vasto, che avrebbe rappresentato una delle date che componevano il tour del JOVA BEACH PARTY. Dopo l’annullamento del concerto annunciato solo pochi giorni prima della data dell’esibizione, la delusione ha attanagliato sia i fan – molti dei quali avevano comprato anche il biglietto – e sia chi sperava che l’evento avesse potuto portare benefici alla città, che sicuramente avrebbe aumentato le entrate delle casse del comune con le migliaia di persone che avrebbero invaso la spiaggia vastese.

Recriminare sul passato irreversibile serve a poco ma un analisi sulle conseguenze che avrà questa decisione è doverosa perché l’amministrazione comunale potrebbe pagare a caro prezzo i consensi nelle prossime elezioni che avverranno tra due anni, nel 2021.

Oltre al danno morale ed economico ai fan, che avevano comprato il biglietto e si vedono costretti ad utilizzarli per altri eventi del tour JOVA BEACH PARTY – o se impossibilitati chiedere il rimborso o anche a rivenderli – c’è anche il danno economico perché l’evento era per molti una spinta propulsiva, sopratutto in un anno in cui sia Vasto che l’Abruzzo in generale ha visto per la prima volta un calo dei turisti rispetto alle altre località d’Italia.

L’annullamento dell’evento è avvenuto per ragioni di sicurezza perché l’esibizione di Lorenzo Chierubini (alias JOVANOTTI) si sarebbe svolta sul lungomare, in via duca degli Abruzzi, con conseguente blocco della statale 16 situata proprio in parallelo al lungomare.

La faccenda rende perplessi, sia per l’esito ma anche per le modalità con le quali è accaduto il tutto perché fino agli ultimi giorni era in bilico la decisione che per mesi è stata incerta, provocando una pioggia di critiche dai fan e dai cittadini Vastesi.

L’evento del 17 agosto Agosto è stato rimpiazzato dal concerto di Alex Britti tenutosi il 16 Agosto, giorno di San Rocco. Infatti originariamente doveva essere questa la programmazione dell’amministrazione comunale, che ogni anno si impegna a chiamare un artista di rilievo per festeggiare la giornata di San Rocco, tipica festa vastese, oltre a quella si San Michele Arcangelo.

La serata ha fatto registrare migliaia di persone anche se assolutamente imparagonabile alla portata dell’evento che si sarebbe tenuto con Jovanotti.

In questi giorni si sta tentando di trovare un luogo nel quale svolgere il concerto che si sarebbe dovuto tenere a Vasto.

I luoghi di cui si fanno i nomi sono FOSSACESIA e MONTESILVANO.

Per Fossacesia l’evento si concretizzerebbe su un prato sintetico che verrebbe messo sulla spiaggia di ciottoli nell’area a sud del della “Galetta”.

A Montesilvano l’evento si svolgerebbe il 7 settembre. E proprio in questi giorni si stanno svolgendo le prove per la messa in sicurezza dell’area interessata. Proprio Jovanotti in un post su facebook ha incitato tutti affinché si realizzi l’evento  di Montesilvano. L’area scelta per il concerto va da Bagni Bruno a Sabbia d’Oro e che tutto il lungomare di Montesilvano sarà chiuso al traffico, con precisione da Via Arno ai grandi alberghi.

Chiaramente Montesilvano è la città più fattibile per la realizzazione del concerto.

Per il rimborso dei biglietti potete consultare il seguente sito:

https://www.tridentmusic.it/news/vasto-da-giovedì-22-agosto-al-via-i-rimborsi-i-biglietti-potranno-essere-utilizzati-anche-per-la-grande-festa-finale-di-settembre.html

OGGI E’ SAN FRANCESCO D’ASSISI ed intanto il silenzio disarmante della Chiesa e di PAPA Francesco: …sul dominio dell’Europa dei banchieri sullo spread.

Papa Francesco
Oggi è San Francesco d’Assisi – Dio non voglia che si debba sconfiggere la povertà con il solo motto evangelico: “Non si vive di solo pane…”

Basta poco per far salire lo spread: basta che qualcuno dell’unione europea o della banca centrale parli e subito l’indice dello spread si impenna e/o anche l’indice della borsa è a ribasso.

E’ una catena che blocca l’Italia in qualsiasi manovra che porti un cambiamento… La Francia e gli altri paesi europei riescono a fare manovre sforando con il deficit e l’Italia invece è ancorata ai timori di ripercussioni economiche. E’ qualcosa di unico al mondo. E’ incredibile che una manovra che dovrebbe ridare dignità al paese e ai poveri (che ormai sono più di 6 milioni) non riesca a trovare il consenso di banchieri, investitori e ovviamente dei membri dell’unione europea.

Lo spread è diventato un termometro che viene visto per interesse, curiosità, propaganda, pubblicità…etc.

Ma la chiesa non fa nulla… anzi è in totale silenzio a differenza degli anni passati quando prendeva la voce per dare consigli anche di parte.

Oggi è San Francesco e si spera di non sconfiggere la fame con il solo motto evangelico “Non si vive di solo Pane”

Perché di Santi che riescono a vivere nella povertà se ne contano sul palmo della palmo!