The criticisms of the foreign minister (M5S) Luigi Di Maio

luigi-di-maio-1-1200x720

In recent days the Italian foreign minister, Luigi Di Maio, is being borbarded by criticism from all over the country. The question is very simple: the moment of conflict in the Middle Eastern countries.

Although Di Maio has been foreign minister for just 5 months, he is trying to assert his decisions but is criticized every day because the strategic importance of Libya is fundamental for Italy. Although many people speak of economic interests, especially those of Gas, it is also of fundamental importance for the balance of migration, which constantly spills illegal immigrants on the Italian coasts.

It is a painful moment for the government and for Di Maio who have to face various still unresolved issues. In fact, some measures taken are still at the starting point, such as the cut of parliamentarians, who despite the decree having been voted on in the Senate, the request for annulment has been made and in the coming months we will vote in the referendum.

Other important issues are the electoral law, which has been under discussion for a long time and on which no solution has yet been found.
In addition, the electoral law is continuously changed between proportional and majority.

The final issue on the discussion table is that of the withdrawal of motorway concessions for the Benetton family company.
The intention of the revocation began with the tragedy in Genoa with the collapse of the Morandi bridge, in which the Atlantia company had the demerit of not having carried out the right maintenance checks.

The ‘il fatto quotidiano’ (newspaper very close to the “Movimento Cinque stelle”) even criticized Di Maio insinuating that he could step down from both the role of minister and that of leader of the Movement. Although there are storms of criticism, the government does not seem to risk falling.

The government could risk falling if Salvini manages to win the regional elections in Emilia Romagna.

Italian Government: Prime Minister Conte resigns

conte

During the meeting held in the Senate Giuseppe Conte harshly criticized Matteo Salvini in his speech and announced his resignation after his speech.

Matteo Salvini, deputy premier and interior minister, responded during his speech that he has no regrets about everything he did in the 14 months of the yellow-green government.

During the last few months, however, something has broken and the agreement with the Lega (Salvini) and  M5S (Luigi Di Maio) has not worked anymore.

However, each party accuses the other of treason the irrefutable truth is that of Matteo Salvini and the league wanted to create the crisis to go to the elections because the polls give it to almost 40% when instead at the beginning of the legislature it arrived with difficulty at 20%.

The construction of the TAV (high speed train) that could connect Italy (Piedmont) with France (Lyon) has been repeatedly rejected by the five-star movement. The Lega used this disagreement as a pretext to break the coalition.

During these months of government many concrete things have been done such as the 100 share for the pension, the income of citizenship and the security decree that in addition to favoring the legitimate defense puts many restrictions on the landing of migrants, a very real topic, to which the Italy probably never gave the right weight, although it was always penalized geographically.

The fight against illegal immigration is a workhorse of the Lega, and on which it has gained many of the current consents.

We still don’t know how the future will evolve but the certainty is that in the autumn there will be elections. The M5S could ally with the PD and this could imply a fundamental role on the new political lines.

Campobasso – Corpus Domini 2019: festa ed eventi… Luca Carboni nella serata finale del 23 Giugno!

Foto-CorpusDomini[Dario Di Leva]
Foto di Dario Di Leva – Corpus Domini – Campobasso

A Campobasso, come ogni anno l’attesa per il Corpus Domini è grande perché è la principale manifestazione dell’anno, che attira come sempre decine di migliaia di persone da tutto il Molise e dalle zone limitrofe.

Anche quest’anno il cartellone della manifestazione è ricco di eventi e ad impreziosire ulteriormente la giornata ci sarà la visita del vice premier e ministro del lavoro Luigi Di Maio, che dopo la vittoria del Canditato del M5S, Roberto Gravina, ha deciso di far di nuovo visita alla città di Campobasso.

Di Maio già è stato più di una volta a Campobasso per sostenere proprio la campagna elettorale dell’attuale sindaco di Campobasso. Venne accompagnato infatti nel Museo dei Misteri, l’edificio di via Trieste in cui i fratelli Teberino e la loro associazione custodiscono le macchine volanti patrimonio unico dell’intero Molise e in lizza per ottenere il riconoscimento Unesco come patrimonio dell’umanità. Lì venne accolto da Liberato Teberino.

immagine di Primo Numero
Foto del Quotidiano Primo Numero: Luigi Di Maio alla sua prima visita a Campobasso nei museo dei Misteri

Decine di migliaia di persone sono attese anche quest’anno e per non deludere le aspettative il consiglio comunale ha deciso di tirare fuori molti soldi dalle casse del Municipio.

279mila euro la spesa stanziata solo per gli eventi, di cui 109mila euro prelevati dal fondo di riserva, un capitolo del bilancio che dovrebbe essere utilizzato solo in casi di emergenza. Una somma inferiore rispetto a quella utilizzata per l’edizione 2018, quando i costi lievitarono a 300mila euro e fu invitata la band THE KOLORS

L’inaugurazione dell’iniziativa si terrà il 20 giugno, alle 21.30, con uno spettacolo di apertura animato da acrobati aerei, trampoli e fuochi d’artificio.
Anche quest’anno si terrà il contest “Gianluca Fuso” che prevede la selezione di 4 band di giovani artisti locali che si esibiranno il 21 giugno, a partire dalle 21, in Piazza della Repubblica.

Sabato 22 Giugno alle ore 22, si esibiranno le Vibrazioni, storica Band Rock italiana.

Ad accompagnare invece la serata finale del 23 Giugno alle 21 del Corpus Domini in piazza della Repubblica (per motivi di sicurezza) ci sarà il cantautore bolognese Luca Carboni. La tappa rappresenta la seconda data del tour estivo 2019 che si svolgerà in tutta Italia e che partirà il 15 Giugno per concludersi l’8 Settembre.

La scelta del cantautore bolognese è dell’appena conclusa amministrazione Battista che, già l’anno scorso, a dicembre 2018, aveva reso onore alla manifestazione del Corpus Domini, facendo sfilare per la prima volta in inverno, la processione delle cosidette Macchine dei Misteri per la ricorrenza dai 300 anni dalla nascita di De Zinno, autore delle geniali macchine che sorreggono i personaggi dei santi.

Tra l’altro oggi, 14 Giugno è uscito il nuovo singolo PRIMA DI PARTIRE, estratto dall’album Sputnik dello scorso anno (2018) che aveva consacrato alcuni hit di successo, tra cui la blasonata UNA GRANDE FESTA con la quale il cantautore bolognese era rimasto per mesi nelle hit delle radio italiane e che probabilmente avrà accompagnato tanti italiani nei giorni estivi.

La canzone originale pubblicata sull’album Sputnik è in versione solista; nel 2019 Luca Carboni l’ha reinterpreta in duetto con il cantautore Giorgio Poi e resa disponibile solo in download digitale.

Un altro evento che sarà presente è quello della promozione turistica del nostro territorio, ossia La città dei Misteri: tra borghi e tradizioni”, format creato dall’ex assessore (e ora fresco consigliere comunale per la coalizione di Destra) Salvatore Colagiovanni. Lungo corso Vittorio Emanuele saranno installate venti casette di legno che ospiteranno i Comuni che hanno aderito all’iniziativa. Tre stand saranno destinati rispettivamente alla Regione Molise, alla Provincia di Campobasso e al Comune di Campobasso. La spesa per la fornitura delle casette è di circa 18000 euro che saranno corrisposti alla ditta Prefabbricati Iacobucci.

Per maggiori info:

https://www.lucacarboni.it/#video

https://www.misterietradizioni.com/dizinno/

https://www.rockol.it/news-704888/luca-carboni-tour-2019-date-concerti-nuovo-singolo-giorgio-poi

https://www.primonumero.it/2019/06/il-vice-premier-di-maio-mantiene-la-promessa-lannuncio-di-gravina-torna-per-corpus-domini/1530563648/