LA NOTTE MAGICA DELLA JUVE: sperando che la gente non si ricordi di essere tifosa solo dopo i miracoli sportivi…

Juve Atletico
Cristiano Ronaldo con la sua esultanza (simile a quella di Diego Simeone) dopo il Gol contro l’Atletico Madrid

Dopo una nottata magica passata davanti alla TV con Sky di casa sono andato a dormire soddisfatto di un impresa miracolosa della Juve con una rimonta difficilissima.

Grazie alla tripletta di Ronaldo la Juve accede ai quarti di finale, dove si spera questa volta abbia un sorteggio più fortunato… considerando che l’Atletico era una delle squadre più forti.

Oggi a ora di pranzo sono andato all’edicola del centro e TUTTI I QUOTIDIANI SPORTIVI ERANO FINITI. Mi domando: ma la gente si ricorda di essere tifosa solo quando vince la squadra e compie questi miracoli? Anche io compro il giornale in occasioni speciali… ma assistere alla pubblicazione dei post su whatsapp di gente che consideri morta sportivamente è allucinante.

Ad ogni modo si è assistito a una conversione planetaria della gente verso la squadra bianconera. Infatti vedendo i tanti video pubblicati su youtube sulle azioni più salienti della partita ho visualizzato centinai di commenti che elogiavano CR7 e la squadra che hanno cominciato a simpatizzare per entrambi…

Una cosa è certa: CR7 si dimostra molto più forte di Messi perché fare imprese di questo genere con squadre italiane e dir poco difficile se confrontate con gli altri campionati, dove le partite e il gioco è molto più semplice.

Aldilà dell’esito della Champions (che io spero nel migliore dei modi…) è stata una Notte Magica!!!

HERBALIFE: l’eccellenza dell’alimentazione con il disastro del sogno di venditore.

herbalife-logo

Herbalife negli ultimi anni è diventato leader mondiale degli integratori alimentari, utilizzati sia come un mezzo per dimagrire che per un vero e proprio integratore di vitamine e proteine, sopratutto per lo sport.

Il testimonal più noto dell’azienda americana è Cristiano Ronaldo. Il calciatore più popolare del mondo collabora nella sponsorizzazione dei prodotti dal 2013 e negli ultimi anni gli è stato dedicato anche un prodotto specifico (una bevanda) come integratore sportivo: il CR7 DRIVE. La collaborazione tra l’azienda di Los Angeles e il calciatore portoghese durerà fino al 2021.

Aldilà delle sponsorizzazioni mondiali del fuoriclasse portoghese sono tantissime altre le collaborazioni del passato di altri atleti italiani e non: Karolina Kostner, Tania Cagnotto, Arianna Fontana e tante altre… Ma ci sono anche sponsorizzazioni con i comitati degli sport come il CONI e la FEDERAZIONE ITALIANA DI NUOTO. Indubbiamente negli ultimi anni, grazie sopratutto ai i social e quindi alla rete, i prodotti herbalife hanno visto crescere la loro popolarità se non altro perché le testimonianze di dimagrimento oppure di massa muscolare vengono diffuse con maggiore efficacia con le immagini…

Io faccio uso di herbalife dal lontano 2004 e conoscono i prodotti dai primi anni 2000. All’epoca c’erano ancora i distributori che cercavano di vendere i prodotti con semplici volantini o annunci nelle bacheche degli edifici. Un cambio drastico influenzato sopratutto dal cambiamento sociale e tecnologico.

Chi si avvicina a Herbalife spesso lo fa pensando a due motivazioni: il benessere fisico e la possibilità di diventare un venditore milionario.

  • Il benessere fisico è spesso raggiungibile con una costanza nell’assimilazione dei prodotti, accompagnata ovviamente da una limitazione dei cibi più nocivi e grassi, e anche – per chi ha difficoltà nel perdere peso o vuole avere un fisico eccellente – ad una attività fisica quotidiana.
  • La possibilità di diventare un venditore milionario invece attrae molti anche se in realtà entrare nel meccanismo di venditore è molto difficile perché Herbalife prevede quello che viene definito Marketing Piramidale, un sistema tipico di marketing americano nel quale il venditore ha de clienti (che a sua volta possono diventare venditori) e fa capo a un suo sponsor che anche lui è un venditore-distributore.

Indubbiamente l’eccellenza de prodotti è garantita sopratutto se si raffrontano con decine di prodotti che si trovano al supermercato oppure su internet o addirittura come per herbalife con i suoi distributori. A volte però si rischia di prendere alla leggera l’assunzione di queste sostanze contando esclusivamente sulla loro qualità e a volte anche dalla incompetenza dei distributori che vendono questi prodotti rischiando di far sballare alcuni valori nutrizionali. Ad esempio il THE’ concentrato diluibile nell’acqua può aumentare notevolmente la pressione sanguigna se si esagera con le dosi (1 cucchiaino da caffè) oppure le barrette proteiche possono appesantire i reni se ne fa un uso quotidiano non accompagnato da un intensa idratazione.

I venditori più fortunati possono raggiungere anche guadagni da capogiro, sebbene non se ne contino molti da città a città. La fortuna consisterebbe nel crearsi una buona prima linea di venditori che a loro volta abbiano una montagna di venditori, sia a livello orizzontale che a livello piramidale. In sostanza la fortuna sta nel trovare buoni venditori che creano a loro volta le loro piramidi di marketing. Una cosa non semplice ovviamente, sopratutto se non si ha il carattere di portare l’esempio quotidiano dei benefici dei prodotti, ma anche di avere un vita attiva, sportiva, social, e tanto altro… Il sogno del venditore herbalife spesso rientra in quel famoso sogno americano con il quale si da la possibilità a tutti di diventare milionario ma che poi solo pochi raggiungono la meta, per capacità, circostanze, fortuna e altro…

I prodotti hanno un costo medio-alto per prezzi di alimenti anche se c’è da considerare che sono oltre ad integratori anche dei prodotti di benessere. Il loro prezzo diminuisce quando la qualifica di distributore sale man mano nella gerarchia della piramide. La cosa vantaggiosa è che i guadagni di Herbalife sono già detratti da tasse per contributi e altro, avendo tutto al netto…

Spesso capita di incontrare vere e proprie persone fanatiche del proprio lavoro herbalife e del proprio stile di vita tanto che molti vedono il mondo herbalife come una setta o come un mondo di nicchia lontano dalla realtà o lontano comunque dalla vita quotidiana. Sicuramente vedere distributori herbalife milionari incute invidia e spesso anche perplessità nel meccanismo. Sebbene molti si avvicinino ad esso per curiosità, per interesse o anche per necessità, una buona parte lasciano tutto dopo una prima esperienza, per aver avuto forse anche aspettative troppo elevate al proprie possibilità.

Ad oggi comunque la società è solidamente quotata in borsa e con un fatturato da milioni di euro. Negli scorsi anni, tra il 2012 e il 2016 le accuse giudiziarie mosse all’azienda americana non hanno scalfito la sua solidità, sebbene le accuse provenissero da tutto il mondo accusando sia la scientificità dei prodotti che il sistema piramidale di marketing.

Herbalife è di sicuro una azienda consolidata nel campo dell’integrazione alimentare ma non dimenticatevi mai di mangiare anche tutto ciò che trovate naturale sulla tavola della vostra cucina… Il famoso frullato (Formula 1) che è il prodotto di punta e maggiormente utilizzato per la dieta di fitness a mio avviso può sostituire solo un pasto della giornata. Inoltre i prodotti aiutano molto ma non sono sicuramente miracolosi, quindi cercate di avere una vita sana e bilanciata.

 

 

Repubblica: il quotidiano degli scandali (redazionali)

Repubblica ha pubblicato sul quotidiano del 7 Ottobre alcune notizie giornalistiche secondo le quali l’attuale Premier Giuseppe Conte avrebbe preso la cattedra di professore ordinario in modo non lecito.

Una notizia che ha fatto scalpitare molti per le critiche, a partire dall’ex premier Matteo Renzi, che dell’onesta ne fa una vera e propria bandiera soltanto quanto il vento gira a favore, considerando che quando uscivano gli scandali delle banche e dei pregiudicati all’interno del partito dovevano stare tutti in attesa della magistratura

Come se non bastasse oggi riporta anche le carte degli stupri (ipotetici) di Cristiano Ronaldo, avvenuti in albergo di Las Vegas nel lontano 2009. Non sarebbe nulla se non per il fatto che la polizia non ha nessuna prova in mano e sembrebbe che le poche “prove” che c’erano siano addirittura scomparse.

Insomma un quotidiano che si sostituisce persino alla polizia statunitense.

La verità su Cristiano Ronaldo …aldilà della denuncia di Stupro: bambini con l’utero in Affitto!

CR7 Juve
Cristiano Ronaldo РAttaccante della Juventus (ed ex RealMadrid e Manchester United) ̬ stato accusato di stupro. Nella sua vita privata i figli sono nati da madri che mettono il loro utero in affitto.

Cristiano Ronaldo (detto CR7) campionassimo portoghese a attaccante della Juventus, è stato accusato di stupro negli ultimi giorni di Settembre 2018 dalla ex modella Kathryn Mayorga.

Il fatto risalirebbe al 2009 (quando Ronaldo era ancora giocatore del Manchester United) al Palms Casino Resort di Las Vegas. Addirittura su internet circolano anche foto e video di quella serata in discoteca nelle quali si vede chiaramente un flirt tra i due giovani.

Oltre a questo ci sono anche delle carte firmate da Cristiano Ronaldo nel dare i soldi alla ex modella per tenere il suo silenzio. E i legali spiegano che la Mayorga avrebbe fatto la denuncia a distanza di nove anni perché fino ad oggi avrebbe vissuto in uno stato di depressione, con abusi di alcool.

Aldilà delle vicende giudiziarie sulla violenza (che ci può essere stata oppure no) su molte trasmissioni sono state raccontate anche alcune particolarità della vita privata del campionissimo portoghese. In particolar modo la nascita dei suoi figli che non hanno vere e proprie madri, o meglio la compagna e le ex compagne non sono le madri dei suoi attuali figli perché sono nati tramite gli uteri in affitto. Una pratica in crescente diffusione ma che si possono permettere soltanto le persone che sono disposte a cacciare molti soldi. Questo ha lasciato stupiti molti tifosi e sportivi che probabilmente non conoscevano i retroscena privati di CR7.

CR7 esordisce in Champions con la Juve con un espulsione ingiusta: surreale!

Tears CR7 with Juve
Tears CR7 with Juve

Valencia Juventus del 19 Settembre 2018 è l’esordio in Champions League per Cristiano Ronaldo con la maglia della Juventus. Non poteva andare peggio… espulsione diretta dopo 29′ di gioco per un episodio di lite con l’avversario.

Il fallo (o il gesto) è completamente inesistente! E anche un interpretazione diversa darebbe al cartellino giallo una punizione severa per un intervento come quello del fuoriclasse portoghese, figuriamoci il rosso: decisione completamente sbagliata sotto ogni punto di vista.

Dopo l’estrazione del cartellino rosso, CR7 è scoppiato in lacrime gridando all’arbitro NADA (in spagnolo niente) per indicare che non aveva fatto assolutamente niente. Con 10 uomini la Juventus riprova a giocare, sperando che l’arbitro non combini un’altra delle sue. Ma i colpi di scena non finiscono qui perché dopo l’espulsione assurada piovono sul campo da gioco la bellezza di tre rigori, fortunatamente 2 a favore della Juve che le permettono di vincere il match, seppur in 10 uomini.

Anche se la vittoria porta con se un addolcimento dell’amarezza dell’espulsione (che rimane ingiusta in qualsiasi caso) il problema dell’autorevolezza nel panorama internazionale rimane un problema: e ci auguriamo che non sia un segnale che anche questa volta episodi arbitrali possano influire negativamente sul cammino della vecchia signora, come accadde l’anno scorso in più di una partita ed anche con lo stesso Real Madrid.

L’episodio è stato commentato da granparte dei giornalisti di RAI1 che l’hanno definita sbagliata, esagerata, ingusta… e spesso ci si trova a dover affrontare anche i dubbi dovuti alla perplessità dell’accaduto perché la cosa è talmente surreale da domandarsi perché abbia deciso questo l’arbitro (o meglio l’asistente di porta). L’assistente di porta è un certo Fritz mentre l’arbitro è il tedesco Felix Brych. Ad oggi purtroppo il VAR (la tecnologia che aiuta gli arbitri per gli episodi dubbi) oltre al campionato italiano, è stata adottata solo dalla FIFA e non dalla UEFA che organizza invece tornei per club.

Ovviamente tutti i quotidiani e i siti sportivi italiani hanno riportato l’eclatante ingiustizia, anche se i più l’hanno velata dalla cofortante vittoria. I quotidiani spagnoli invece come marca o come el mundo hanno del tutto ignorato lo scandaloso episodio anzi hanno giustificato l’epulsione per dei presunti episodi precedenti a quello in questione, più volte redarguiti dall’arbitro.

Che dire più?!

ALLUCINANTE