Repubblica: il quotidiano degli scandali (redazionali)

Repubblica ha pubblicato sul quotidiano del 7 Ottobre alcune notizie giornalistiche secondo le quali l’attuale Premier Giuseppe Conte avrebbe preso la cattedra di professore ordinario in modo non lecito.

Una notizia che ha fatto scalpitare molti per le critiche, a partire dall’ex premier Matteo Renzi, che dell’onesta ne fa una vera e propria bandiera soltanto quanto il vento gira a favore, considerando che quando uscivano gli scandali delle banche e dei pregiudicati all’interno del partito dovevano stare tutti in attesa della magistratura

Come se non bastasse oggi riporta anche le carte degli stupri (ipotetici) di Cristiano Ronaldo, avvenuti in albergo di Las Vegas nel lontano 2009. Non sarebbe nulla se non per il fatto che la polizia non ha nessuna prova in mano e sembrebbe che le poche “prove” che c’erano siano addirittura scomparse.

Insomma un quotidiano che si sostituisce persino alla polizia statunitense.

La verità su Cristiano Ronaldo …aldilà della denuncia di Stupro: bambini con l’utero in Affitto!

CR7 Juve
Cristiano Ronaldo – Attaccante della Juventus (ed ex RealMadrid e Manchester United) è stato accusato di stupro. Nella sua vita privata i figli sono nati da madri che mettono il loro utero in affitto.

Cristiano Ronaldo (detto CR7) campionassimo portoghese a attaccante della Juventus, è stato accusato di stupro negli ultimi giorni di Settembre 2018 dalla ex modella Kathryn Mayorga.

Il fatto risalirebbe al 2009 (quando Ronaldo era ancora giocatore del Manchester United) al Palms Casino Resort di Las Vegas. Addirittura su internet circolano anche foto e video di quella serata in discoteca nelle quali si vede chiaramente un flirt tra i due giovani.

Oltre a questo ci sono anche delle carte firmate da Cristiano Ronaldo nel dare i soldi alla ex modella per tenere il suo silenzio. E i legali spiegano che la Mayorga avrebbe fatto la denuncia a distanza di nove anni perché fino ad oggi avrebbe vissuto in uno stato di depressione, con abusi di alcool.

Aldilà delle vicende giudiziarie sulla violenza (che ci può essere stata oppure no) su molte trasmissioni sono state raccontate anche alcune particolarità della vita privata del campionissimo portoghese. In particolar modo la nascita dei suoi figli che non hanno vere e proprie madri, o meglio la compagna e le ex compagne non sono le madri dei suoi attuali figli perché sono nati tramite gli uteri in affitto. Una pratica in crescente diffusione ma che si possono permettere soltanto le persone che sono disposte a cacciare molti soldi. Questo ha lasciato stupiti molti tifosi e sportivi che probabilmente non conoscevano i retroscena privati di CR7.

CR7 esordisce in Champions con la Juve con un espulsione ingiusta: surreale!

Tears CR7 with Juve
Tears CR7 with Juve

Valencia Juventus del 19 Settembre 2018 è l’esordio in Champions League per Cristiano Ronaldo con la maglia della Juventus. Non poteva andare peggio… espulsione diretta dopo 29′ di gioco per un episodio di lite con l’avversario.

Il fallo (o il gesto) è completamente inesistente! E anche un interpretazione diversa darebbe al cartellino giallo una punizione severa per un intervento come quello del fuoriclasse portoghese, figuriamoci il rosso: decisione completamente sbagliata sotto ogni punto di vista.

Dopo l’estrazione del cartellino rosso, CR7 è scoppiato in lacrime gridando all’arbitro NADA (in spagnolo niente) per indicare che non aveva fatto assolutamente niente. Con 10 uomini la Juventus riprova a giocare, sperando che l’arbitro non combini un’altra delle sue. Ma i colpi di scena non finiscono qui perché dopo l’espulsione assurada piovono sul campo da gioco la bellezza di tre rigori, fortunatamente 2 a favore della Juve che le permettono di vincere il match, seppur in 10 uomini.

Anche se la vittoria porta con se un addolcimento dell’amarezza dell’espulsione (che rimane ingiusta in qualsiasi caso) il problema dell’autorevolezza nel panorama internazionale rimane un problema: e ci auguriamo che non sia un segnale che anche questa volta episodi arbitrali possano influire negativamente sul cammino della vecchia signora, come accadde l’anno scorso in più di una partita ed anche con lo stesso Real Madrid.

L’episodio è stato commentato da granparte dei giornalisti di RAI1 che l’hanno definita sbagliata, esagerata, ingusta… e spesso ci si trova a dover affrontare anche i dubbi dovuti alla perplessità dell’accaduto perché la cosa è talmente surreale da domandarsi perché abbia deciso questo l’arbitro (o meglio l’asistente di porta). L’assistente di porta è un certo Fritz mentre l’arbitro è il tedesco Felix Brych. Ad oggi purtroppo il VAR (la tecnologia che aiuta gli arbitri per gli episodi dubbi) oltre al campionato italiano, è stata adottata solo dalla FIFA e non dalla UEFA che organizza invece tornei per club.

Ovviamente tutti i quotidiani e i siti sportivi italiani hanno riportato l’eclatante ingiustizia, anche se i più l’hanno velata dalla cofortante vittoria. I quotidiani spagnoli invece come marca o come el mundo hanno del tutto ignorato lo scandaloso episodio anzi hanno giustificato l’epulsione per dei presunti episodi precedenti a quello in questione, più volte redarguiti dall’arbitro.

Che dire più?!

ALLUCINANTE